Dighe e centrali idroelettriche

E’ l’acqua l’elemento principe della Valle del Chiese.

Centrale idroelettrica Boazzo

L’acqua che corre fra le rocce dei torrenti azzurri e dei rivoli d’alta quota; l’acqua che sosta riflessiva nell’abbraccio dei laghi, o che si raccoglie, brulicante di vita, nelle profondità opache e dense delle superfici palustri. È l’acqua che segna la terra, che la solca instancabile e onnipresente, che modula il profilo della Valle e che le dà il suo nome.

La Valle del fiume Chiese, appunto, che si libera dai ghiacci perenni dell’Adamello e percorre con i suoi affluenti il solco tracciato in milioni di anni fino ad immettersi nel Lago d’Idro, caratterizzando di sé la vita degli abitanti dei villaggi sorti lungo le sue sponde.
Essi ne hanno temuto e patito le piene e le inondazioni, ma hanno anche imparato a convivere col fiume e del fiume: ne hanno incanalato l’acqua per l’irrigazione, l’hanno sfruttata per il trasporto del legname, l’hanno utilizzata per il lavoro artigianale e trasformata in fonte preziosissima di energia, facendo di essa, ancora oggi, la vera e irrinunciabile ricchezza di tutto il territorio.

A partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso le acque del fiume Chiese sono state sfruttate per la produzione di energia elettrica. È in questo periodo, infatti, che i grandi sfruttamenti idroelettrici nelle Alpi andarono a coinvolgere anche tutte le acque del bacino del Chiese, trasformando radicalmente gli stessi corsi fluviali ed incidendo profondamente sull’ambiente, sull’economia e sugli usi e costumi stessi di intere popolazioni.

Questo processo di sviluppo radicale e irreversibile ha lasciato numerose testimonianze sul territorio. Le manifestazioni più imponenti sono sicuramente i tre grandi bacini artificiali costruiti in Val di Daone a quote differenti e con caratteristiche proprie ben definite:
- diga di Ponte Morandin, vicino al paese di Daone, ha una capacità di 300.000 m3;
- diga di Malga Boazzo, con la rispettiva centrale per la produzione di energia elettrica: si trova nel cuore della Val di Daone, a quota 1224 metri, e ha una capacità di 11.800.000 m3;
- diga di Malga Bissina: è lo sbarramento più spettacolare, eretto all’imboccatura della Val di Fumo, a quota 1778 metri e capace di contenere fino a 360.000.000 m3 d’acqua.



Cosa vedere ...

36 risultati
Laboratorio Farmaceutico Foletto | © Foto Archivio Consorzio per il Turismo della Valle Di Ledro

Museo del Laboratorio Farmaceutico Foletto - Pieve

Ricordi e oggetti di una tradizione.

Miniera Grua

Istituto Culturale Mocheno

Istituto Culturale Mocheno  - Bernstoler Kulturinstitut: per la...

Miniera Grua

Miniera - Museo Grua va Hardömbl

E' stato ricostruito l'ambiente originario della miniera.

Percorso della trementina

Percorso della Trementina

Il Percorso della Trementina nasce dalla volontà di far...

Ecomuseo dell'Argentario - Photo  S. Parrini - APT Piné Cembra | © Ecomuseo dell'Argentario - Photo  S. Parrini - APT Piné Cembra

Ecomuseo dell'Argentario

Un percorso fra storia e natura in quello che fu il più importante...

Ecomuseo della Valsugana

Ecomuseo della Valsugana

L’Ecomuseo si sviluppa sul territorio della Valsugana orientale...

Ecomuseo del Vanoi

Ecomuseo del Vanoi

Un museo dello spazio, del tempo, della comunità e dei saperi

Maso Curio "Ca da mont"

Casa Curio Cà da Mont è la più interessante casa...

Laboratorio Farmaceutico Foletto | © Foto Archivio Consorzio per il Turismo della Valle Di Ledro

Museo del Laboratorio Farmaceutico Foletto - Pieve

Ricordi e oggetti di una tradizione.

Leggi tutto ...
Miniera Grua

Istituto Culturale Mocheno

Istituto Culturale Mocheno  - Bernstoler Kulturinstitut: per la salvaguardia e la valorizzaizone del patrimonio della comunità Mochena

Leggi tutto ...
Miniera Grua

Miniera - Museo Grua va Hardömbl

E' stato ricostruito l'ambiente originario della miniera.

Leggi tutto ...
Percorso della trementina

Percorso della Trementina

Il Percorso della Trementina nasce dalla volontà di far conoscere l’antico lavoro della raccolta della trementina in Val di Sole e di...

Leggi tutto ...
Ecomuseo dell'Argentario - Photo  S. Parrini - APT Piné Cembra | © Ecomuseo dell'Argentario - Photo  S. Parrini - APT Piné Cembra

Ecomuseo dell'Argentario

Un percorso fra storia e natura in quello che fu il più importante distretto minerario del Trentino.

Leggi tutto ...
Ecomuseo della Valsugana

Ecomuseo della Valsugana

L’Ecomuseo si sviluppa sul territorio della Valsugana orientale e ne valorizza l'identità con una serie di percorsi che attingono a...

Leggi tutto ...
Ecomuseo del Vanoi

Ecomuseo del Vanoi

Un museo dello spazio, del tempo, della comunità e dei saperi

Leggi tutto ...

Maso Curio "Ca da mont"

Casa Curio Cà da Mont è la più interessante casa colonica della Val Rendena.

Leggi tutto ...

Ecomusei